LA PATENTE E LA CARTA D’IDENTITà


Ok ci siamo trasferiti, abbiamo comprato i mobili, Ben ha iniziato a lavorare, abbiamo comprato una macchina e ora…. è tempo di rifare la patente!Ah che gioia.

La legge dice che i residenti sono obbligati ad avere la patente americana, quindi in teoria, essendo noi sotto visto J rinnovabile, non siamo obbligati a rifarla tant’è che l’anno scorso sono stata fermata dalla polizia e ho esibito la mia patente italiana, che è stata accettata. Ad ogni modo, per evitare qualsiasi tipo di problema, dato che staremo qui a lungo, abbiamo comprato una macchina e abbiamo un’assicurazione, ho deciso di farla.

Ci tengo a sottolineare che non è necessario avere una patente americana per acquistare una macchina e fare un’ assicurazione (come ho letto su qualche blog); io ho stipulato una polizza con GEICO con la nostra patente italiana.

Per farvi un’idea del costo dell’assicurazione, noi abbiamo pagato 300$ per 6 mesi con due guidatori, Jeep del 2008 2W, seguendo gli stessi massimali di mia zia che abita a Los Angeles.

La patente in America è anche il principale documento d’identità; buona parte della popolazione non è americana e girare quotidianamente con il proprio passaporto non è il massimo. L’alternativa alla patente è la carta d’identità, rilasciata sempre dalla DMV; patente e ID hanno un prezzo irrisorio, se non ricordo male 36 $ e 27$. L’unico problema è che dovrete recarvi alla DMV…

Se vi trasferirete qui odierete la parola DMV che sta per Department of Mothor Veichles; a livello di tempistiche e organizzazione la paragonerei decisamente alle Poste Italiane. Che non è un complimento. (Non me ne vogliano gli impiegati delle poste).

Arrivi con i tuoi documenti (passaporto, I-94, DS, Social Security Number), fai la fila per il check in, poi compili un modulo, poi fai un’altra fila per le impronte e per la fotografia. Nel frattempo dalle 8 di mattina in cui sei arrivata, si è fatto mezzogiorno e hai un certo languirono ma non puoi lasciare l’edificio; dopo tutte quelle ore di attesa se chiamano il tuo numero e tu non sei li, ti devi rifare la fila: non esiste. Quindi aspetti ed arriva finalmente il tuo turno. La foto viene male perché non sei preparata e le ore di attesa hanno spento la gioia che potevi avere con una bella giornata di sole e alla fine di tutto la ragazza mi chiede “Do you wanna take the test now?”.

Ma anche no, FORSE, dovrei leggere il libro almeno una volta dato che non conosco i limiti di velocità, soprattutto in miglia? E che qui se è rosso e devi voltare a destra devi solo dare precedenza? E che se bocci dopo tre volte devi pagare di nuovo??

Prendo il mio libretto orribile e angosciante e me ne vado.

Consiglio per tutti: non fate l’esame scritto in italiano. Non è italiano. E’ arabo. Io ci ho provato una volta e sono stata bocciata. L’esame lo potete sostenere senza prendere appuntamento e consiste in 36 domande, per superarlo si possono fare massimo 5 errori.

Una volta passato il test scritto dovete prendere appuntamento per il behind the wheel test, ovvero la pratica. Io ci ho messo un mese ad avere l’appuntamento ma dipende davvero da quanto sono impegnati, conosco persone che hanno avuto una data dopo una settimana.

Il tetto massimo di errori permessi è 15 e l’esame si può sostenere con la propria macchina o con una macchina a noleggio. La prima parte consiste in un check up dei documenti quali assicurazione, registration e appuntamento più controllo luci, stop, ecc. Nel complesso il test dura circa 20 minuti dopodiché se sei stata “promossa” ricevi una temporary Drivers Licence. Nel giro di un mese invece ricevi l’originale direttamente a casa.

Il consiglio che mi sento di dare a chi si vuole trasferire qui è: fate la patente americana, andate sul sito della DMV e scaricate il libro così una volta arrivati qui non dovrete perdere tempo a studiare! Per chi invece viene in California solo in vacanza, potete circolare tranquillamente con la vostra patente italiana. Io una volta ho fatto la patente internazionale; uno spreco di denaro perché quando sono stata fermata dalla polizia non hanno perso neanche un minuto a leggerla e mi hanno subito chiesto la mia patente italiana.Ci sono pareri contrastanti a riguardo, io vi racconto solo la mia esperienza!

Per farvi un’idea del test di pratica ho caricato il mio qui sotto. Purtroppo non ho potuto fare lo stesso con il test scritto in quanto il funzionario si tiene il foglio del test.

12048863_10207820561140110_296842520_n

 

 

Leave a Reply